lunedì 16 settembre 2019

Succede al 45: Venerdì 20 Settembre



I N V I T O
 

Friulano, è il nuovo nome del già notoTocai”.
Oggi non può essere più chiamato “Tocai” per via della diatriba legale persa dall’Italia con l’Ungheria che ne rivendica l’origine del nome.
Un pò di storia.
Nel 1200 il re Bela IV ricevette visite da gente arrivata dal Friuli che in dono portavano viti di un’uva poi piantata in terra ungherese. Quest’uva prese il nome da un torrente che rappresentava la regione e dove, appunto, le prime viti furono piantate. 
Le carte e le mappe dell’epoca confermano che il torrente simbolo dell’incontro storico si chiamava “Toccai”. 
Le talee portate dai friulani e messe a dimora dagli ungheresi si chiamavano “furmint”:lo stesso vitigno che oggi in Ungheria è conosciuto come “tocaji” o “tocai”, nulla ha a che vedere con l’italiano tocai, che ora porta il nome di “friulano”. 
Siamo di fronte, quindi, a un doppio errore che vede contrapporre al vero “tocai friulano” il “furmint” che oltre a essere un altro vitigno è stato portato in Ungheria proprio dagli stessi friulani.
Rimane comunque il fatto della assoluta differenza tra questi due protagonisti storici e dell’assoluta originalità del “Tocai Friulano” che oggi trovate in etichetta col nome di Friulano.
vinitaly
In questa serata andremo a degustare Il Friulano della Cantina Bortolussi.
Caratteristica principale dei vini di Bortolusso è la terra da cui provengono: le radici della vite affondano in terreni di laguna bagnati dal fiume e da acqua salmastra. Il microclima temperato dalla presenza di acque, le brezze marine ricche di odori caratteristici, la forte esposizione al sole con le acque che ne riflettono i raggi; tutto concorre a rendere unici questi vini.

Quando:

Venerdì 20 Settembre dalle 18 alle 20.

Dove:

al 45. Vinicola Branca
Evento gratuito
info:
T.031 745563
info@vinicolabranca.it

vinicoalbranca.it